Seleziona una pagina

Gli squilibri ormonali possono determinare svariati disturbi e patologie in grado di minare la qualità della vita.
Lorraine Clarck, direttrice di Hapihemp, studia il CBD con l’obiettivo di capire se possa avere un ruolo benefico anche in questo caso.

cbd e squilibri ormonali

Gli squilibri ormonali

Dagli sbalzi d’umore all’insonnia, a problemi alla pelle e periodi irregolari, quasi tutte le donne hanno manifestato sintomi degli squilibri ormonali. Dal momento che la conoscenza generale del sistema endocrino è scarsa, molti semplicemente smettono di pensare ai loro ormoni durante la gravidanza o alla menopausa. Ma uno squilibrio ormonale può causare seri problemi di salute, quindi vale la pena capire come si manifesta, cosa cercare, e come affrontare la situazione.

 

Capire gli ormoni

Gli ormoni sono messaggeri chimici, inviati dalle ghiandole endocrine ai recettori situati negli organi e nei tessuti in cui causano i cambiamenti. Essenziali per tutti i processi corporei, gli ormoni saranno anche piccoli, ma sono potenti.
Anche un leggero eccesso o carenza di un particolare ormone può avere un notevole effetto sul tuo benessere generale.

Tutti possono soffrire di uno squilibrio ormonale, ma sono le donne che hanno maggiori probabilità di essere colpite da fluttuazioni ormonali, che si verificano in modo naturale durante la pubertà, con le mestruazioni, la gravidanza, l’allattamento e la menopausa. Gli squilibri ormonali possono anche verificarsi al di fuori di questi periodi, se una delle ghiandole endocrine produce troppo, troppo poco, o addirittura smette di produrre ormoni del tutto.
Questo puo innescare gravi condizioni di salute, come il diabete, patologie tiroidee, morbo di Addison e PCOS.

 

L’effetto degli squilibri ormonali

Parla Lorraine Clarck: “Come migliaia di altre donne ho lottato con gli squilibri ormonali per gran parte della mia vita. E’ iniziato tutto durante la pubertà, con la tensione premestruale(PMT), che è correlata ai cambiamenti negli ormoni che si verificano prima dell’inizio del ciclo. Si stima che fino al 90% di donne soffra di PMT in una certa misura, con sintomi che possono essere lievi o completamente debilitanti. Ci sono fino a 150 potenziali sintomi, e tra i più comuni ci sono i crampi, gonfiore, problemi del sonno e sbalzi di umore. Ho avuto sintomi di PMT nella mia adolescenza, ma sfortunatamente questo era solo l’inizio dei miei problemi ormonali”.

“Dopo la nascita di entrambi i miei figli, mi è stata diagnosticata la depressione post-partum, la quale era anch’essa collegata agli squilibri ormonali. Durante la gravidanza i livelli di estrogeni e progesterone sono altissimi, ma passate le prime 24 ore dopo il parto scendono lentamente ai livelli pre-gravidanza.
Si pensa che sia questo fenomeno a provocare la depressione post-partum.
Anche se è abbastanza comune, è una malattia mentale grave, che influisce pesantemente sulla salute fisica e sul comportamento.
Come a molte altre donne, mi hanno prescritto degli antidepressivi per cercare di combattere i sintomi della depressione, che in effetti mi avevano aiutato, ma non contro l’ansia paralizzante, altro sintomo che avevo sviluppato.”

“Poi quasi un anno dopo, mi è stato diagnosticato il PMDD, o disforia premestruale.
E’ una forma molto grave di PMT che provoca sintomi emotivi e  fisici angoscianti, ogni mese. Man mano che i miei sintomi peggioravano con l’età, ero arrivata ad un punto in cui perdevo la metà di ogni mese a causa degli effetti debilitanti. Ho iniziato disperatamente a cercare una cura” – dice Lorraine.

 

Opzioni per il trattamento

Le opzioni terapeutiche variano in base alle condizioni diagnosticate. Potrebbero essere validi dei farmaci ormonali, o anticoncezionali, la terapia ormonale sostitutiva o farmaci che mirano specificamente a determinati sintomi, come l’acne, l’eccessiva crescita dei capelli o la glicemia alta.
Sfortunatamente, è spesso necessario fare vari tentativi (con conseguenti errori) per determinare la terapia giusta, e possono essere necessarie molte donne per trovare i farmaci giusti atti a combattere l’insieme specifico dei sintomi di cui soffrono personalmente.

“Gli operatori sanitari spesso raccomandano le soluzioni naturali e i cambiamenti allo stile di vita.Personalmente, ho provato tantissimi farmaci nel corso degli anni, ma nessuno ha mai davvero funzionato per me. Ad un certo punto mi sentivo come se non ci fosse nulla che potessi fare per migliorare la mia condizione, motivo per cui ho deciso di provare il CBD.” – racconta Lorraine.

 

CBD e squilibri ormonali: il sistema endocrino

Tutti noi abbiamo un sistema endocannabinoide che gioca un ruolo importante nel mantenimento dell’equilibrio nel corpo.

[ Ne ho parlato in maniera approfondita all’interno di un articolo specifico, consultabile a questo link ]

E’ noto per regolare lo stress, umore, memoria, felicità, crescita ossea, dolore e funzione immunitaria.
Il sistema endocanabinoide è strettamente legato al sistema endocrino.
Il sistema endocannabinoide può essere stimolato dal CBD, un composto attivo non psicotropo presente per natura nella pianta di cannabis.
Come tale, il CBD potrebbe essere usato per influenzare i principali ormoni, tra cui l’insulina, il cortisolo e melatonina. Per questo viene sempre più spesso preso in considerazione quando si parla di problemi ormonali.

“Ogni singola ricerca che ho fatto mi ha lasciata sbalordita sempre più, erano davvero moltissime le donne che sostenevano che il CBD le aveva aiutate a riprendere il controllo dei propri ormoni. A questo punto dovevo provare, ho iniziato con prodotti di diverso tipo. Non appena ho trovato quello giusto, mi sono resa conto subito che non sarei più tornata indietro!” – Dice Lorraine.

 

CBD e squilibri ormonali: qual è la forma di assunzione migliore?

Chiunque sia interessato a provare il CBD per i problemi ormonali, dovrà tenere in considerazione il fatto che è molto importante fare delle ricerche sui tipi di prodotti disponibili, e anche consultare il medico prima di provare cose nuove.
Il CBD è disponibile in moltissimi formati, tra cui l’olio al CBD, capsule al CBD, cristalli isolati, cannabis light, prodotti alimentari, bevande e molti altri ancora. Ognuno di questi prodotti ha i suoi punti di forza.
L’ideale, sarebbero quei prodotti full-spectrum, che significa “contenenti più di un singolo cannabinoide isolato”. Questi prodotti massimizzano gli effetti dell’olio al CBD.
Tuttavia in Italia sono disponibili solo sotto prescrizione medica, quindi dovrete trovare un medico che ve li prescriva.
Alternativamente potete trovare nei negozi specializzati i prodotti con solo CBD isolato, perfettamente legali e vendibili senza ricetta medica.

A Modena li potete trovare nel nostro negozio CbWeed shop – Modena, oppure sul nostro e-commerce.

Seguite sempre le indicazioni e ricordate che la chiave è la costanza. I risultati arrivano sempre ma potrebbe volerci tempo, e l’assunzione continua di olio al CBD fa si che quest’ultimo resti sempre in circolazione nel vostro organismo, cosa che renderà il vostro sistema endocannabinoide attivo ed efficace.

C’è una correlazione importante tra CBD e squilibri ormonali, questi ultimi  possono affliggere ognuno di noi, e la loro natura così complessa può essere davvero schiacciante. E’ importante sapere che esistono trattamenti efficaci, anche se trovare quello giusto potrebbe richiedere un po di sperimentazione.
Cerca assistenza medica, analizza le varie opzioni e prova prodotti diversi, ma sappi sempre che una terapia ormonale sostitutiva, una modifica allo stile di vita, o un integrazione di olio al CBD saranno sempre opzioni valide, vanno solo provate per capire se fanno al caso nostro.

 

Tu come hai trovato beneficio dal CBD? Faccelo sapere nei commenti o sui nostri social: CbWeed Shop – Modena

 

Se questo articolo ti è piaciuto, potrebbe interessarti anche:

 

 

 

[Fonti: Open Access Government. Articolo scritto da Giacomo CbWeed shop – Modena]

 

[Questo articolo (CBD e squilibri ormonali) è a solo scopo informativo, non intende in alcun modo incitare all’uso di sostanze stupefacenti. L’azienda non è responsabile dell’utilizzo che l’utente finale farà di queste informazioni ne della loro divulgazione attraverso canali che non sono strettamente legati al negozio CbWeed Shop – Modena .
La cannabis in Italia è legale solo sotto prescrizione medica e il THC è nella tabella delle sostanze considerate droganti.]