Seleziona una pagina

CBD: Perché funziona

CBD: perchè funziona su alcuni ma non su tutti?

E’ una certezza, l’olio di CBD funziona perfettamente per centinaia di migliaia di persone, ma NON possiamo considerarlo una cura miracolosa.
Un grande numero di ricerche dimostra la sua efficacia in relazione alla cura di sintomi di malattie come  l’ansia sociale, insonnia, fibromialgia, cancro e molti altri.

Noi di Cbweed crediamo molto nell’olio di CBD, ma non alle pozioni magiche, ed è per questo che sappiamo che non è efficace al 100% , niente lo è. Infatti ci dispiace molto quando qualcuno afferma con fermezza che l’olio di CBD non vale niente solo perché non ha funzionato per lui. Quello che bisogna capire è che se l’olio di CBD non ha funzionato per te, potrebbero esserci varie motivazioni, ma non necessariamente legate alla sua efficacia generale.

Ti senti chiamato in causa? Allora cerchiamo di capire insieme per quale motivo il CBD non ha funzionato nel tuo caso.

CBD: perchè funziona solo su alcuni. Marca e Dosaggio

Il primo motivo pare scontato, ma non lo è: forse hai comprato un prodotto di bassa qualità, o hai sbagliato il dosaggio. Non comprare mai olio di CBD da aziende che non mostrano risultati di laboratorio di terze parti. Per ora l’industria non è regolamentata a dovere, quindi è facile incappare in prodotti di bassa se non pessima qualità. Le analisi chimiche svolte in laboratori esterni (presumibilmente rispettabili) non mentono mai .

In alcuni casi troverai delle aziende che sostengono che le loro bottiglie abbiano 1,000mg di CBD ma che in realtà ne hanno 200mg o meno. Senza i risultati di laboratorio come fai a saperlo?

Altro fattore : se utilizzi un marchio di qualità, ne stai usando abbastanza? E lo stai usando ogni giorno?

Il dosaggio generico va per la maggiore, per esempio:

  • 2.5mg al giorno per aumentare l’appetito in pazienti con il cancro.
  • 2.5 – 20mg al giorno per alleviare il dolore cronico.
  • Fino a 400mg al giorno per l’epilessia.

Come potrai notare i dosaggi cambiano moltissimo in relazione al motivo per cui lo si assume .Comincia sempre con un dosaggio basso, ma se noti che non è efficace, continua ad aumentarlo fino a che senti l’effetto. Se lo usassi per il dolore, e se dovessi arrivare, per esempio, a 100mg al giorno senza sentire alcun effetto, allora forse il CBD non fa al caso tuo.

 

CBD: perchè funziona solo su alcuni. Genetica

La colpa potrebbe anche essere della tua genetica. Il motivo per cui l’olio di CBD funziona, è dato dal modo in cui il corpo interagisce con esso. Se hai un disturbo d’ansia genetico per esempio, potresti provare paranoia quando utilizzi il THC ma il CBD dovrebbe aiutarti. Il CBD funziona con il sistema endocannabinoide (SEC) e che tu ci creda o no, alcuni di noi nascono con più endocannabinoidi rispetto ad altri.

Per la cronaca, circa il 20% degli americani ha una mutazione genetica che aumenta il livello naturale di endocannabinoidi nel sangue. Se fossi abbastanza fortunato da avere questa mutazione, ti sentiresti meno in ansia rispetto a una persona normale, ma per contro, dato che hai già dei cannabinoidi extra, il CBD potrebbe non essere efficace. Tra l’altro esiste una società Californiana che, a pagamento, analizza il tuo DNA per capire tantissime cose su di te da esso, e tra queste cose c’è anche la risposta del tuo corpo ai cannabinoidi. La società si chiama 23andme

 

CBD: perchè funziona solo su alcuni. Biologia

Se sei una donna, sei per natura più sensibile ai cannabinoidi dell’erba – incluso il CBD. Questo significa che beneficerai più facilmente dei suoi effetti. Inoltre, dato che gli uomini hanno, in genere, più massa delle donne, necessitano di un dosaggio maggiore di CBD rispetto ad esse.

Anche il ciclo mestruale ha un effetto significativo su come funziona la cannabis. Le ricerche dimostrano che il THC lavora insieme agli estrogeni, quindi l’erba è più forte per le donne quando gli estrogeni sono al loro livello massimo. Non è chiaro se il CBD sia più efficace durante il ciclo.

Biochimica e Stile di vita

Anche volendo ignorare le mutazioni genetiche e il sesso biologico, siamo tutti fatti in maniera diversa, il che significa che alcune persone sono semplicemente più sensibili al CBD rispetto ad altre. Per esempio, avrai sicuramente notato che alcune persone bevono 3 o più bicchieri di vino a tavola e che altre dopo il primo sono già brille. Come per il CBD, dipende tutto di nuovo da fattori come la genetica, lo stress, la dieta e lo stile di vita.

Se il CBD non funziona per te, prova ad osservare da vicino il tuo stile di vita e fare particolare attenzione alla quantità di acidi grassi nella tua dieta. Il CBD è una forma di acido grasso, quindi se già  ne consumi tanti, il cannabidiolo non sarà così efficace come per coloro che assumono pochi acidi grassi. Inoltre, se i tuoi recettori CB2 sono più forti di quelli CB1, o viceversa, il CBD non sarà così efficace perché la tua biochimica influenza il tuo equilibrio eindocannabinoide.

Salute fisica

A questo punto dovrebbe essere chiaro che il CBD funziona meglio in persone con un significativo gap endocannabinoide. Se sei in forma smagliante senza veri malanni, l‘olio di CBD non ti aiuterà come se avessi una malattia come la fibromialgia.

Se hai la fibromialgia per esempio, il tuo corpo ha un disperato bisogno di cannabinoidi ת quindi il CBD dovrebbe aiutare a ridurre il dolore cronico e forse darti una spinta energetica.

Salute psicologica

Ancora una volta, il CBD sarà molto più efficace se soffri di ansia, depressione, DPTS o altri problemi che affliggono la tua salute mentale. In questi casi, c’è un disequilibrio chimico nel cervello che è in parte incolpabile per i tuoi problemi psichici. Quando usi il CBD, l’equilibrio chimico potrebbe essere ripristinato e ti farebbe sentire molto meglio.

Tolleranza

In generale, più cannabinoidi assumi, maggiore sarà la tua tolleranza. Se hai utilizzato 100mg di CBD al giorno per cinque anni, non avrà più l’effetto che aveva la prima volta. Fortunatamente ci sono modi per affrontare la questione. Uno dei migliori metodi per abbassare la tolleranza è quello di prendersi una pausa dal CBD. Generalmente bastano anche solo un paio di settimane per ripristinare il disordine e assicurare che il tuo corpo reagisca a “nuovi” stimoli.

Varietà ed effetto entourage

Ci sono centinaia di varietà di cannabis e praticamente nessuna ha gli stessi livelli di THC, CBD o altri cannabinoidi. Le migliori varietà di CBD includono Harlequin, Charlotte’s web, Cannatonic e Canna-Tsu. Mentre la Charlotte’s Web ha un enorme quantità di CBD ma pochissimo THC, Harlequin ha molto più THC di quello che basta per sballarti.

Parliamo dell’effetto entourage. Significa che l’olio di CBD funziona al meglio quando contiene altri composti naturali della cannabis come i terpeni e i flavonoidi. Basandoci su vari studi, il CBD non è particolarmente efficace quando preso da solo isolatamente.

I prodotti più efficaci combinano dozzine di cannabinoidi, però anche se vivi in uno dei 21 stati dove l’erba è legale, non sarai in grado di utilizzare una varietà che contiene THC. Ci sono comunque tanti oli di CBD che includono terpeni e altre prelibatezze.

Ultime riflessioni

Se l’olio di CBD non funziona più per te, è un peccato perché è una medicina naturale fantastica e un’ottima alternativa ai farmaci che ti rendono dipendente. Se hai provato il CBD e non è stato efficace, non pensare automaticamente che tutti i prodotti a base di CBD non siano validi. Passa in rassegna la lista e vedi se c’è qualcosa che fa al caso tuo. Forse hai comprato dell’olio di bassa qualità? Forse la tua genetica o biochimica non fanno funzionare i cannabinoidi. O, semplicemente, non stai prendendo la dose giusta per te.